black and white couples picture 1


L’ossido nitrico (detto anche nitrossido) è una molecola particolarmente efficace nelle patologie a carico dell’apparato cardiocircolatorio e vascolare e, di conseguenza è un fondamentale aiuto nei soggetti impotenti e non. Nel corpo umano il suo precursore è l’aminoacido arginina di cui Nitroxx è ricco.

Il Dr. Stamler della Duke University ne descrisse le potenzialità sostenendo che:

“Fa tutto, dappertutto. Non si può citare una risposta cellulare importante o effetto fisiologico in cui l’arginina,   (dalla quale deriva l’ossido nitrico ADNO) non sia  implicata.. È coinvolta nei cambiamenti del comportamento  nel  cervello, rilassamento delle vie aeree, battito  del cuore,  dilatazione dei vasi sanguigni, regolazione del movimento intestinale, funzione delle cellule del sangue, sistema immunitario e, persino, nel movimento degli arti”

Più di 10.000 articoli sui benefici a largo spettro dell’ossido nitrico sono stati pubblicati su riviste scientifiche negli ultimi10 anni.

E’ prodotto  in una reazione multi-step a partire dall’aminoacido arginina. Agisce come “messaggero” internamente ed esternamente alle cellule regolando e ottimizzando le funzioni vascolari.

Ha effetti disaggreganti, rilassanti della muscolatura liscia, anti-infiammatori.

Agendo come inibitore dell’aggregazione piastrinica dilaterebbe le arterie e, rilasciando il GH, è fondamentale per l’erezione indietro.

Diverse ricerche condotte scientificamente sostengono che l’ossido nitrico ha numerose proprietà, fra le quali:

  • Aumento dell’energia e del benessere
  • Aumento dell’afflusso del sangue al cervello
  • Incremento della memoria
  • Prevenzione delle patologie cardiovascolari
  • Ipotensivo naturale
  • Antibatterico e antivirale
  • Riduzione del colesterolo e del diabete

Oltre all’efficacia a livello sessuale, all’ossido nitrico è riconosciuto il ruolo di mediatore biochimico in varie funzioni: cerebrale, gastrointestinale, epatica, polmonare.

La scoperta del ruolo dell’ossido nitrico rappresenta un grande passo avanti nella scienza. 
Se ha aperto la strada a varie cure contro le disfunzioni erettili, rappresenta una speranza per il trattamento di numerose patologie difficilmente curabili in precedenza.

Una delle cause fisiologiche e principali di impotenza, o disfunzione erettile, è l’ inabilità dei vasi sanguigni presenti nel pene, che ne consentono la dilatazione, di agire nel modo giusto . Il più importante composto chimico coinvolto in questo processo è l’ossido nitrico e l’ Arginina. Quest’ultima è in grado di stimolare la produzione di ossido nitrico, essenziale anch’esso per il corretto funzionamento dell’apparato sessuale. Ci sono fortunatamente, molti supplementi erbacei che possono aiutare la dilatazione e l’erezione del pene, incluso il ginseng ed altri meno conosciuti ma più potenti. Non solo l’ossido nitrico è richiesto e necessario per l’erezione e per la risposta vaginale femminile ma regola anche il flusso del sangue,  e migliora il flusso dell’aria nei polmoni.L’arginina, da come si evince, è un amminoacido che serve a formare l’ossido nitrico, che a sua volta avrà il compito di dilatare le arterie permettendo un maggiore afflusso sanguigno nei corpi cavernosi del pene. E’ grazie a questa sinergia che l’uomo è in grado di raggiungere una buona erezione nelle attività sessuali

L’ossido nitrico (No) è un’importante molecola che segnala e agisce in molti tessuti per regolare una serie diversa di processi fisiologici e cellulari. Il suo ruolo fu scoperto da alcuni  gruppi di studiosi, che stavano tentando di identificare l’agente responsabile de  rilasciamento dei vasi sanguigni e del tono vascolare che lo regola. Questo agente fu chiamato fattore rilassante (EDRF), e inizialmente si credeva fosse una proteina per la composizione delle sue molecole. La scoperta fu che EDRF, sia di fatti un  ossido nitrico – un gas estremamente reattivo. Ciò ha creato un’esplosione di interesse in questo campo, dando luogo a più di 60,000 documenti pubblicati negli ultimi dieci anni. L’ossido nitrico gioca un ruolo in una varietà di processi biologici, inclusa la neurotransmissione, difesa immunitaria, e la regolamentazione delle cellule morte (apoptosis). L’ossido nitrico è una molecola breve (con un mezza vita di alcuno secondo), estremamente reattiva che è prodotta da un gruppo di enzimi noti come sintassi di ossido nitrico (NOS). L’ossido nitrico è una molecola che gioca un ruolo cruciale per le malattie  vascolari. L’ossido nitrico effettua un numero di azioni che conducono al rilasciamento dei vasi sanguigni, e la rigenerazione dell’endothelium (la rigatura interna delle arterie). Il ruolo dell’ ossido nitrico nelle malattie vascolari, è stato studiato negli ultimi decenni e gli scienziati hanno scoperto che questa molecola è fondamentale per curare molte malattie cardiovascolari, incluso l’ artereosclerosi ed l’addensamento delle arterie. In somma, l’ossido nitrico è usato come un mezzo terapeutico per trattare malattie che sono causate dal restringimento ricorrente delle arterie ostacolando la  coagulazione. Molti medicinali possiedono nella loro composizione dell’ossido nitrico.

Meccanismo biochimico dell’erezione

Nel meccanismo biochimico dell’erezione (vd. Fig. 1) il rilasciamento della muscolatura liscia del corpo cavernoso, è dovuto ad un meccanismo mediato dall’ossido nitrico (NO), un labile neurotrasmettitore (detto anche molecola messaggera).

Dopo la diffusione alle cellule muscolari lisce del corpo cavernoso, l’NO stimola l’enzima citosolico, guanilato ciclasi (a), a produrre un secondo messaggero, la guanosina monofosfato ciclica (cGMP), responsabile del rilassamento muscolare.

I nucleotidi ciclici, quali il cGMP, sono idrolizzati dalle fosfodiesterasi (PDE), localizzati in vari tessuti; nel corpo cavernoso dell’uomo l’isoenzima predominante è PDE-cGMP specifico – di  tipo 5 (PDE5). Vari studi hanno dimostrato che il meccanismo dell’NO/cGMP gioca il ruolo principale nel rilasciamento della muscolatura liscia del corpo cavernoso.

L’NO può derivare anche dalla ossidazione dell’arginina, dalle cellule endoteliali, ed è  rilasciato dalle cellule muscolari lisce del corpo cavernoso del pene.

Rate this post